CARISSIMI AMICI

inserisco da oggi, 17 agosto 2017, il tasto per ricevere vostre donazioni...

 

finora non vi ho mai chiesto nulla..

ho messo qui le mie opere perchè fossero a vostra disposizione e l'ho fatto come scelta politica e personale..

ma la mia vita è diventata durissima...

Mia madre non mi aiuta più in maniera costante ma solo molto saltuariamente.

i miei figli non mi parlano quasi...

il denaro che il mio ex marito mi diede in fase di divorzio, nel 2013, che mi ha permesso di sopravvivere fino ad ora, è terminato...

ricevo mensilmente 800 euro dallo stato ma 500 se ne vanno per l'affitto e le spese di casa..

capite che quel che resta non basta neppure per il cibo mio, per Brugola e per Stellina

 

Non vi chiedo un ingresso obbligatorio, chi non può o non vuole, continui pura a fruire dei contenuti del mio sito in maniera gratuita...

 

 

Ma tu, ora, che entri qui per leggere, guardare, ascoltare, puoi aiutare arianna amaducci...

 

grazie se lo farai..

 

fare una donazione è molto semplice, clicca sul tasto e segui le istruzioni... 

non vi è un tetto minimo... bastano anche 50 centesimi ogni volta che passi di qui...

 

 

grazie, sinceramente

 

pace e luce nel tuo cuore e nella tua vita

mar

25

nov

2014

PENSIERINO DELLA SERA: QUANDO LA LUNA DECISE DI ANDARE PER FUNGHI

UN GIORNO LA LUNA DECISE DI ANDARE A FUNGHI


Un giorno, la luna, stanca del suo continuo vagare attorno all’orbita terrestre, così, senza una ragione né una premio o una soddisfazione, per il suo costante e gravoso impegno, decise di andare a funghi..

ebbene sì, proprio così, andar per cercare funghi in un grande bosco…

era un desiderio che covava tra i suoi pensieri segreti da tanti tantissimi secoli, ere geologiche, anni luce, addirittura..
il fatto è che, voi di certo lo sapete, si dice che il territorio della luna sia fatto di formaggio, di groviera, per l’esattezza, dati i grossi crateri/buchi che si aprono sulla sua superficie, ma, in realtà, non è così..
la crosta della luna è in verità fatta di mollica di pane…
sì, sapete quel buon pane toscano, oppure quello pugliese, che presenta le bolle della lievitazione??
altro che crateri e altro che buchi di gruviera!!!!
in verità, lì sopra, sulla superficie della luna, ci sono tante, tantissime, - così tante che è praticamente impossibile a contarle, - fette di pane, un po’ toscano ed un po’ pugliese…

e quindi, dalla parte illuminata, dato che il sole picchia da arrostire, la luna è una fragrante bruschetta, immensa e profumata… sulla quale, ditemelo voi, non ci stanno bene due funghetti trifolati??
e io dico di sì, che ci stanno proprio benissimo..

e anche la luna era di questo avviso..

così, una mattina di buon’ora, mentre aveva appena smesso di piovere e si preannunciava un’alba lunare umida e calda, clima ideale perché i funghi spuntino, la luna indossò i suoi stivali, prese il cestino di vimini, il bastone con la punta di ferro per le escursioni nei boschi e uscì di casa.
percorse con molta calma il mare della tranqullità - e non è che poteva andar di fretta, lì sopra, vi pare??? - e poi si arrampicò per i suoi monti, i monti della luna e lì, inoltrandosi nella parte nascosta, che noi non vediamo, entrò nella grande foresta della selenità e cominciò a camminarvi dentro…

si guardava intorno, mentre il frusciare delle foglie lunari accompagnava il muovere dei suoi piedi e si stupiva del numero ingente di alberi, di quanti rami avessero, di quante foglie fossero sui rami..
di come gli uccellini, cantassero nei loro nidi..
di come la luce filtrasse, disegnando gioielli ed arabeschi di luce sui tronchi e tra un’ombra e l’altra, di che immensa pace ci fosse, un raccoglimento, veramente, che era assai più che pace: sembrava di essere in chiesa.. 

si chiese, allora, perché avesse aspettato così tanto, a fare quello che stava facendo ma non trovò una risposta..
ci pensava, sì, ogni giorno ma non l'aveva fatto.. forse perché ai più sarebbe sembrata una cosa strana, forse perché in realtà la luna era un po' pigra...
oppure chissà...
fatto sta che non l'aveva mai fatto e se ne dispiacque, promettendosi che ci sarebbe tornata ancora presto, prestissimo, in quel meraviglioso bosco/cattedrale...   

e, mentre si godeva tutto questo, i suoi occhi lunari, molto spesso inondati  di luce e quindi molto acuti, scorgevano a terra, tra le fruscianti foglie secche cadute,  le sagome di tanti tanti funghi, l'uno diverso dall'altro: dai piccoli chiodini seleniti oppure dei panciuti porcini lunari o dei gialli e saporiti gialletti..

in men che non si dica, riempì il suo cestino e quindi decise di tornare subito sulla sua faccia luminosa per cucinare il suo prezioso bottino e metterlo sulle bruschette che il sole del tramonto stava dorando ben bene..
e così fece e ancora sta nella sua grande cucina a sfaccendare e sfornellare, canticchiando..

eh, che fortunata che è la luna!! 
che meravigliosi funghi, ci sono lassù, cari amici.. 
io ne sento il profumo, mentre la luna li cucina trifolati, con l’aglio ed il prezzemolo lunare….




perché, voi no?????        
leggi di più 0 Commenti

dom

23

nov

2014

PENSIERINO DELLA SERA - STORIA DI UN SASSOLINO DI FIUME


23 NOVEMBRE 14,49


Cari amici, il lupo perde il pelo ma non il vizio..


scrivere, per me, è un bisogno profondo.. mi sento vuota, mi manca qualcosa, se non lo faccio..

ma cosa scrivere??

basta parlare di me, della mia storia.. lo sapete, ve l'ho detto molte volte, non lo voglio più fare..

e allora, in attesa di avere un progetto più importante, che magari non arriverà mai, mi sono resa conto che posso pensare cose un po' strane, surreali, come una luna che va per fungi o, tanto per incominciare, la storia di un sassolino.. dato che io amo molto, i sassolini..


saranno favolette senza senso, senza il desiderio di insegnare niente a nessuno..

scritte così.. solo perché è bello scrivere..


se vi piaceranno, ne troverete qui, spero, una al giorno..

ciao e buona lettura.. con un abbraccio...


PENSIERINO DELLA SERA
STORIA DI UN SASSOLINO DI FIUME..


era piccolo, bianco, sferico ma schiacciato ai suoi poli e levigato, liscio...
se ne stava lì, al bordo di una spiaggia, alla foce di un grande fiume..
ed era fermo.
ma lui ricordava.. 


ricordava di essere stato tanto ma tanto più grande, di non essere stato così liscio.. e di essere stato in movimento..
per quanto tempo aveva viaggiato dentro l'acqua del grande fiume?
chi poteva saperlo..
il sasso ne era immemore come lo erano il vento, il silenzio, il canto delle onde, il cielo che lo guardava..


può pensare un sasso?
sì, se qualcuno ha un orecchio abbastanza fine per ascoltarlo.


il sasso pensava, ricordava... 

ricordava l'acqua sopra di lui, la sua mano gelida e potente che a volte lo spingeva, lo strascinava, lo spostava.. 
di poco, all'inizio lo spostava di pochissimo, perché lui era così pesante...
e persino, andando indietro ancora di non si sa quanto, il sasso ricordava quando non era sasso ma montagna.. tutt'uno con la fiancata ripida della grande immensa maestosa svettante montagna..
ricordava il sole cocente, il ghiaccio che lo mordeva forte per i lunghissimi inverni della glaciazione..
ricordava il brivido profondo che scosse tutto, lì intorno e il rombo spaventoso quando era stato staccato da quella sua madre di roccia e fatto precipitare giù, dentro il grande fiume che, immediatamente, l'aveva abbracciato, afferrato, circuito, fatto suo..
lui gli aveva resistito a lungo, credendo che presto, prestissimo, sarebbe potuto tornare su, sulla cima della grandissima rupe montana..

lo credeva ma non accadde..

così l'acqua ruscellante del grande fiume alla sorgente, lo convinse a lasciarsi andare e fare il viaggio con lei..


abbracciati, lunghe le ere geologiche, scivolarono giù.
era un amore grande, immenso, con una voce sempre cangiante..
il sasso credeva non sarebbe finito mai.. durò secoli, millenni..
sembrava senza fine...

quell'abbraccio fatto di acqua in movimento e di roccia che si trasformava in sasso, lasciando la grande parte di sé sciolta nell'acqua stessa, diventata sabbia, frammento dopo frammento..

sembrava senza fine....

 

invece, quel giorno fatale se pur lontanissimo, però arrivò, incredibilmente arrivò ed era oggi ed era adesso, lì, ora... 

e lui si sentiva così camato, si sentiva piccolo.. così piccolo e leggero quando, quel giorno, ricevette un ennesimo colpetto dalla sua amante acqua di fiume e venne spostato un po' più in là, deposto bruscamente sulla riva, fuori dal corso dell'acqua....

in quel momento avvertì immediatamente che qualcosa di eccezionale, eclatante era accaduto.. e si senti immediatamente così strano, così diverso.. 
il sole cominciò ad asciugarlo e dopo poco lui era di nuovo asciutto, come tanto ma tanto ma tanto tempo prima...
se un sasso avesse potuto avere gli occhi, lui li avrebbe sgranati..
se un sasso avesse potuto avere la bocca, lui l'avrebbe spalancata..
lo fece, in realtà ma nulla e nessuno se ne accorse, né la mosca che ronzava lì intorno, né la formica che gli camminò sopra, frettolosa, correndo veloce verso i suoi affari.
se un sasso avesse potuto avere la pelle lui avrebbe provato il solletico.
anzi, in realtà lo provò ma anche quella volta, nessuno se ne accorse..


che senso aveva, si chiese.. nessuno mi vede, mi ascolta..
a che servo?? dove vado, da dove vengo? e perché?

chi mi ha creato sasso? ma sono davvero un sasso oppure un rospo che ha sbagliato incantesimo??


ma che battutona, si disse, cercando di battere quelle mani che avrebbe battuto se avesse potuto averle...

e, a quel punto, se un sasso avesse potuto avere le labbra, avrebbe sorriso..


e, questa volta. lo faccio io per lui...
lo fate anche voi, con me??????

leggi di più 0 Commenti