IL MONDO TRA LE MANI

IL MONDO TRA LE MANI
IL MONDO TRA LE MANI

 

IL MONDO TRA LE MANI

 

 

Coppa delle mie mani

che il tuo seno 

riempie

di vendemmie dorate 

 

E la tua pelle è spuma

che la mia bocca

avida e intenerita

lambisce

senza lasciarne goccia

 

Lungo la schiena ascolti

gli interminabli racconti

che i miei reni narrano

al tuo fatale accogliermi 

mentre mi tieni

prigioniero e padrone

- di evasioni complice

e reiterate catture

 

Tu

animoso carceriere

io

di piacere ladro

e dentro e fuori

in rincorsa

dalla inattesa galera

all'inutile libertà

per ritornare lesto

dopo un'altra rapina

tuo prigioniero a vita

 

Colpi su colpi sferro

e ti sostengo ancora

sciolta

senza più forza

al mio totale assalto

 

Ma sussurrando tremo

quando la resa ha colto

ogni mio nervo vinto:

tra le mie braccia serro

il tuo sussultare forte

per non dimenticare

il tuo chiamarmi ancora

e le tue dita infisse

per aggrapparti al vento

in gemito fuggendo,

che va a portarti via.

 

Quando la voce tua

innamorata levi

ed il mio nome grida

io, orfano di ogni vita.

in quel momento nasco. 

 

nel video:
versi di ruggero

dipinti digitali di arianna e ruggero

voce di arianna

 

  

L'immagine

' Il mondo tra le mani '

 

è una mia digitalizzazione di una foto presa dal web 

Scrivi commento

Commenti: 0