RITRATTO DI MARINELLA BACCARI

RITRATTO DI MARINELLA BACCARI - 2012 dipinto digitale  tecnica: pastelli a cera

 

 

RITRATTO DI MARINELLA BACCARI

 

la ninfa della clorofilla.....

MARINELLA BACCARI
RITRATTO DI MARINELLA BACCARI versione due - psichedelica - 20120 dipinto digitale tecnica pastelli a cera

 

 

RITRATTO DI MARINELLA BACCARI

 

la ninfa della clorofilla psichedelica.....

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    arturo quadraro (domenica, 11 novembre 2012 11:06)

    Cara Ari...la seconda versione è ancora più affascinante..e in omaggio a te e alla tua ultima opera ti racconterò la storia della ninfa Albaluce: Un tempo le colline lasciate dai ghiacciai erano abitate dalle ninfe dei laghi, dei boschi e delle sorgenti ed erano venerate insieme a Notte, Sole, Luna, Venti e Stelle.
    Alba era una di queste Dee ed un giorno, sulla riva del ruscello, incontrò il Sole. Si innamorarono, ma non potevano vedersi mai. L'impossibilità di questo amore fece intervenire la Luna che, complice, decise un giorno di non lasciare il Cielo, ma di interporsi sul cammino del Sole in modo che questi potesse raggiungere nascosto la Terra ed incontrare l'amata Alba.
    Da quella eclisse nacque Albaluce, con occhi color del cielo, pelle di rugiada e lunghi capelli splendenti come raggi di sole.
    La fama della sua bellezza spinse gli abitanti della zona ad offrirle doni e omaggi in giorni di festa, fino a quando i frutti del lago non furono più sufficienti, nè ad offrire doni, nè al sostentamento. Occorreva terra da coltivare e per questo si scavò un grande canale per far defluire le acque del lago. Ma le acque del lago tutto travolsero seminando morte.
    La ninfa Albaluce pianse per il dolore e dalle sue lacrime, pianto del Sole e dell'Alba, si alzarono lunghi tralci, ricchi di dolci, dorati grappoli di succosa uva bianca.

  • #2

    ariannaamaducci (domenica, 11 novembre 2012 12:14)

    l'amore ed il dolore con l'amore, trasformano ogni sofferenza in bellezza...

    questa bellissima favola ne è un esempio..

    devo dire, caro arturo, che quando scorgo un tuo messaggio spero sempre celi una favola per me...
    e vedo che ne sei prodigo...
    le favolehanno un sapore di cose perdute..
    e curano il mio cuore sofferente..
    grazie, mio caro fratello narratore e poeta.. @>---