LA COSA PIU' DIFFICILE E' ESSERE SE STESSI

PIOGGIA E VENTO - 2011 olio su tela 13 x 18

 

DOMENICA, SEI DEL MATTINO....

 

fuori piove..

sento lo scrosciare della pioggia attraverso le imposte chiuse....

sono  sveglia da pochissimi minuti e non mi sono ancora alzata..

gine dorme, quando piove esce molto poco volentieri e i gattini sono chiusi fuori perchè se la notte li lascio in casa non mi fanno dormire neppure quel poco che di solito dormo....

 

sono sveglia e non ho più sonno..

gli ultimi due giorni sono stati molto particolari, per me, perchè sempre arriva il momento in cui si giunge a capire ciò che fino a quel momento ci sfuggiva.

 

io sono, di norma, un giudice molto severo di me stessa.

questo mi viene di certo dal non volermi troppo bene, dai problemi della mia infanzia ma non è affatto una cosa negativa.

sono anche una persona alquanto introspettiva, lo sono sempre stata, fin da bambina.

istintivamente ho sempre saputo che conoscere se stessi, capire i propri meccanismi è la chiave di volta di questo impazzito videogame che è la vita..

 

lo dico da molto, che la vita è un folle gioco di ruolo del quale non possediamo le regole.

ma il fine ultimo di questo videogame è arrivare vivi all'ultimo istante, vivi nel cuore, intendo.

 

la società l'educazione le religioni le culture le abitudini le consuetudini sono tutte gabbiette dorate dentro le quali si trincera l'essere umano perchè ha paura di vivere e di essere se stesso.

ma nella vita le regole che non devono essere disattese sono 4:

non uccidere

non fare violenza

non rubare

non mentire. - e tutte quattro intese in modo sia fisico che psicologico e morale. -

oltre queste quattro regole nulla vi è di giusto o di sbagliato, di bello o di brutto, di buono o di cattivo.

 

ma il fatto è che la cosa più difficile è essere se stessi.

 

aver il coraggio di mostrarsi agli altri senza maschere o paraventi, senza volere sembrare quello che non si è.

siamo tutti assai fragili e smarriti. siamo tutti in perenne ricerca.

siamo gatti ciechi in una stanza buia.

negli altri vediamo ciò che siamo, gli altri ci sono da specchio.

e, per una legge che è fisica e chimica, attiriamo il nostro opposto.

perchè il buio serve a permettere che la luce sia visibile e viceversa..

 

c'è tutta una storia, dietro queste mie riflessioni, ma soprattutto c'è la storia della mia vita e il sunto del mio essere.

io non vedo mai la malvagità di chi mi sta accanto perchè in me non ve ne è.

non è un mio vanto, questo, una mia scelta: sono nata così, il mio creatore così mi ha plasmata.

ma ora mi sono accorta che gli altri non sono affatto come io vedo.

dato che non ho una buona autostima sono portata a mitizzare gli altri e sottovalutare me stessa.

 

imparerò a smettere di fare questo.

 

io ho mille e mille idiosincrasie..

il mio carattere non è dei più facili.

ma sono vera, sono me stessa, sempre, anche se questo l'ho pagato assai caro.

 

molte volte ho pianto per essere stata abbandonata e rifiutata.

molte volte ho creduto di essere sbagliata.

ma io sono solo diversa, diversa dalla stragrande maggioranza degli altri esseri umani.

diversa perchè so vedere i miei errori.

mi accorgo quando faccio violenza, quando mento, quando rubo, quando uccido.

e lo ammetto con me stessa e con gli altri.

invece il costume sociale è dire: è colpa tua, non sono stato io.

 

non vi è amore negli esseri umani.

siamo tutti incapaci di amare.

ne fossimo in grado non saremmo in queste catene di carne: la nostra anima si librerebbe felice negli spazi della vera vita.

l'avventura terrestre è un sogno, un gioco, un tentativo.

chi nasce essere umano deve imparare ad amare.

amare è anche saper chiedere scusa, amare è essere onesti, amare è mostrarsi come si è.

questo è amare, null'altro..

per il resto siamo tutti gatti ciechi in una stanza buia, tutti....

 

fuori piove ed io oggi sono amara e disincantata ma serena.

ho capito quello che non avevo capito di quanto ho vissuto negli ultimi anni della mia vita.

non mi piace quello che ho visto, ma che volete, questa è la vita.

 

that's the game.

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 11
  • #1

    mari (domenica, 11 novembre 2012 07:40)

    credo di sapere cosa intendi, non viviamo soli, non possiamo costruirci intorno una bolla e renderci impermeabili, per questo tutto ciò che ci circoda ci tocca più o meno violentemente, ci plasma da fuori, ma noi possiamo opporci da dentro ai graffi del mondo.
    questo non ci risparmia certo il dolore che nasce dal conflitto tra quello che siamo e il mondo, ma le nostre certezze, quelle di cui tu parli, sono la motivazione ad affrontare le nostre guerre, e a volte a perderle, perché non si combatte per vincere, ma perché è giusto.
    questo è l'amore, prima di tutto nel rispetto di se stessi, dei propri valori, delle scelte, delle passoni, poi per gli altri, offrendo il meglio di noi, la consapevolezza di quello che siamo, onesti, coerenti, umani.

  • #2

    Maria Letizia (domenica, 11 novembre 2012 07:50)

    Grazie Ari. Ho cominciato la giornata con il tuo brano così intenso. Riesci sempre a scavare dentro, perché sei tu che lo fai con te stessa. In genere la gente non ama mettersi a nudo. Tu sei limpida. La sofferenza si sente tutta ma si avverte anche la serenità di un'anima che ha percorso le regioni dello spirito e continua il suo cammino di luce

  • #3

    ariannaamaducci (domenica, 11 novembre 2012 07:52)

    grandi parole e verità, le tue..

    non aggiungo altro...
    grazie

    sei una grande amica.. @>--

  • #4

    ariannaamaducci (domenica, 11 novembre 2012 09:38)

    era per mari, il mio messaggio precedente...
    \_(^^)_/

  • #5

    ariannaamaducci (domenica, 11 novembre 2012 09:41)

    oggi la mia serenità è ancora più forte.. perchè si basa sul dolore..
    e sulla certezza, che è fede, che c'è altro, in noi e fuori di noi..
    c'è altro oltre la malvagità umana e la nostra piccolezza....
    c'è altro, c'è amore..
    io lo conosco, l'ho provato e lo proverò ancora...
    c'è altro...

    ti abbraccio, marialetizia, sto ascoltando la musica che mi hai mandato.. splendida.. grazie ancora... la aggiungo qui... @>--

  • #6

    rossana parenti (domenica, 11 novembre 2012 09:49)

    ciao ari ,non ho commenti da fare perche' le altre hanno gia detto tutto quello che penso anch'io ma voglio aggiungere che oltre all'amicizia provo per te una grande stima rispetto e ammirazione per la persona che sei .buona domenica tesoro bacioni a te !

  • #7

    arturo quadraro (domenica, 11 novembre 2012 10:52)

    DEDICATO A TE ARI...ANIMA BELLA : I primi chiarori dell'alba s'affacciano ai vetri della mia finestra, e quel suon d'orchestra che mi riporta il battito della pioggia cadente accompagnata dal vento, creano quell'alchimia che trasforma il mio insano ego in puro e chiaro sentimento. E le immagini s'avvolgono vorticose nella mia mente a riscoprir momenti di questa vita mia vissuta follemente, che mi han portato qui a ritrovar me stesso, mettendomi a nudo con animo cheto, di fronte a quella verità a cui dobbiam svelare ogni nostro più inconfessabile segreto. Ed ora son sereno perchè la fede è compagna mia, perchè l'amore che fluisce in me è un dono che mi giunge dal cielo, è quel fiore dal lungo stelo che io offro a te anima persa.....ovunque nel mondo tu sia.

  • #8

    ariannaamaducci (domenica, 11 novembre 2012 11:59)

    grazie rossana, mia amica e maestra d'arte...
    ti scrivo dopo essere stata al telefono con te quasi un'ora dove abbiamo parlato di arte, si, ma anche di patate fritte e di altre cose della nostra vita...
    è questo che fa di noi due amiche..
    così ti stimo, come artista e donna, ti riconosco a me superiore nelle tecniche dell'arte e ti ho eletto come mia maestra, ma ti voglio bene, tanto bene, come amica..

    buona domenica, mia cara... \_(^^)_/

  • #9

    ariannaamaducci (domenica, 11 novembre 2012 12:09)

    mio amico poetico
    il canto della tua anima giunge alla mia e ad essa si unisce..
    io ti leggo e ti ascolto..
    ma leggo ed ascolto oltre le parole.. leggo ed ascolto dove le parole non servono dove neppure esistono..

    è questo che ci fa grandi, pur nella nostra infinita piccolezza, che ci rende vicini, pur nella nostra lontananza..
    ti abbraccio.. grazie...

  • #10

    maria angela (lunedì, 12 novembre 2012 09:57)

    come ti sento vicina

  • #11

    ariannaamaducci (lunedì, 12 novembre 2012 15:42)

    cara maria angela..
    noi ci siamo trovate subito in empatia, quando ci siamo conosciute...
    è stata una cosa immediata...
    l'empatia viene dalla vibrazione..
    mia cara.. siamo vicine nell'affetto reciproco e nel pensiero..
    e questo è molto bello.. fa sentire meno soli...
    (^_^)