STO DI NUOVO MALE

SOLITUDINE- foto scattata da me

 

E' DI NUOVO UN MOMENTO DOWN

 

lo chiamano disturbo bipolare..

stai a mille e poi cadi nel baratro..

ma stare a mille è l'unico modo per uscire dal buio del proprio cuore..

perchè una potenza normale non basta, per farlo

 

poi arriva il giorno che sei troppo stanca, anche di essere stata a mille per così tanto tempo..

sei stanca e basta..

e non hai voglia di nulla, non puoi fare nulla, tutto ha un peso enorme, tutto, anche scrivere una parola..

 

ma non voglio sparire.. cercherò di esserci,  come potrò

scusatemi se non vi rispondo..

ma voi scrivetemi, se volete, vi leggo comunque, il vostro affetto mi fa bene..

ma non ditemi, per favore: tirati su, la vita è bella..

la vita sarà bella per voi..

io sto in un letto, nel dolore, giorno dopo giorno.. e ci starò fino all'ultimo..

il mio cuore poi, soffre ancora di più, dilaniato da chi mi ha rifiutato: famiglia, donna amata..

la colpa è solo mia, di quello che è accaduto con coloro??

sembra di si..

nessuno, nessuno di loro guarda alle mie ragioni, nessuno.

stanotte ho sognato mia figlia piccola, la mia bambina, la seconda, quella che mi ha amato fino a quando ha avuto 12 anni come solo una figlia sa amare la madre..

ero la sua vita, la sua luce.. e lei per me..

certo, c'erano anche gli altri,, ma la prima non mi ha mai voluto bene, mi ha sempre rifuggito, il secondo è un maschio, hanno un modo diverso di amare, più egoista..

poi, a dodici anni, la mia bambina si è all'improvviso staccata da me..

da baci ed abbracci è passata a: non mi toccare, mi dai fastidio..

cosa sia successo, non so..

ho cercato di capirlo in tutti i modi. parlandole, chiedendo, chiedendo ai fratelli..

le ho proposto un aiuto esterno, psicologico..

ma non ho avuto spiegazioni, tutto è stato rifiutato..

poi si è fatta il ragazzino e mi disse che quello che dava a me ora era per lui...

 

io allora non avevo ancora accettato la mia omossessualità..

è avvenuto cinque anni dopo..

in quel momento mi ero separata da poco e da lì in avanti ho vissuto per cinque anni in totale solitudine pensando solo ai miei figli ed al lavoro.

la separazione, poi, l'aveva voluta proprio lei, che non sopportava più le liti continue con il padre..

è l'unica cosa di cui mi ringrazia ancora, di essermene andata...

 

stanotte ho sognato che lei aveva sette anni: eravamo ad una fiera di paese. c'era anche il mio ex marito e anche lui era dolce, certo come non lo è mai stato..

io sto male da ieri, ma questo sogno stamattina mi fa tanto piangere..

 

io ho amato tutti con tutta me stessa, tutti..

ho dato tutto quello che avevo, fino all'ultima goccia..

e tutti hanno fatto come lei, la mia seconda figlia: all'improvviso, tutto finito..

non ti amo più, non ti voglio più, non ti cerco più..

senza una spiegazione logica..

e senza darmi spiegazioni..

gli altri: mia madre, mio fratello, la mia prima figlia, mi hanno rifiutato dalla nascita.

 

ho trovato tante ragioni, a questo, ma nessuna di esse placa il mio cuore straziato..

 

non sono riuacita ad eseguire il ritratto, ieri..

è il turno di chiara battaglia.. non mi viene affatto somigliante..

riproverò, ma ora non riesco..

ho bisogno di stare sola..

volevo però dirvi cosa mi succede..

ovviamente, quando sto così, i dolori del corpo aumentano a dismisura..

 

passerà, sempre passa..

abbiate solo un po' di pazienza..

spero che stiate bene, almeno, meglio di me..

vi amo dal profondo del cuore..

lo so che ci siete ma, e scusatemi di questo, non bastate..

c'è solo una persona che potrebbe farmi felice ma a lei non importa più nulla di me..

e questo mi uccide..

 

allora, devo attendere che la mia vita prenda il sopravvento..lo farà

magari domani, tra un settimana, tra un mese.. non so ma so che lo farà..

nel sogni vi erano anche altri, estranei, venditori ambulanti, cani e una tartaruga di terra rimatsa prigioniera in un'auto ferma al sole..

aveva fame e sete.. le davo insalata ed acqua fresca e lei mangiava dalla mia mano e beveva golosamente..

forse, quella tartaruga è la mia anima... il mio cuore..

cercherò di spegnere i suoi tormenti come ho fatto nel sogno...

 

ancora vi abbraccio tutti, grazie...

 

 

Scrivi commento

Commenti: 12
  • #1

    clara malossi (mercoledì, 31 ottobre 2012 11:24)

    forza ne hai e ne avrai sempre tanta perchè tu sei cosi,una grande roccia,ogni tanto il sole non ti scalda ma torna sempre per tè.un bacio.

  • #2

    ariannaamaducci (mercoledì, 31 ottobre 2012 11:46)

    grazie clara..
    tornerà il sole..
    ti abbraccio forte.. @>---

  • #3

    arturo quadraro (mercoledì, 31 ottobre 2012 12:27)

    Chiederò aiuto a nonno gelo.....affinchè iberni il tuo cuore per non farlo soffrire più......e il mio cuore aspetterà il giorno in cui il calore del sole ritornerà nella tue vene.....perchè tu sarai pronta a volare di nuovo. Un abbraccio forte forte.

  • #4

    lucia d'alessandro (mercoledì, 31 ottobre 2012 13:03)

    Che dire Ari davanti al tuo dolore: chiedo anch'io aiuto agli elementi.Al vento che ti riporti il soffio della gioia.

  • #5

    rossana parenti (mercoledì, 31 ottobre 2012 13:17)

    ciao ari ,quando sei in questo stato d'animo le parole non servono .ma posso solo dirti che io insieme agli altri che ti vogliono bene ti aspetteremo e rispetteremo il tuo momento .non ti nego che non ci sia un rammarico nel saperti cosi' ma spero che passi presto .con tantissimo affetto ti saluto con un arrivederci .....<3

  • #6

    Ale (mercoledì, 31 ottobre 2012 20:24)

    Ciao cara, ti stavo per chiamare....
    poi mi ho detto, già che ci sono guardo sul tuo blog!
    ho letto... mi dispiace tanto che non stai bene!
    vorrei aiutarti, ti sono vicino!
    un abbraccio forte a te e una dolce carezza a Gine

  • #7

    ariannaamaducci (giovedì, 01 novembre 2012 00:04)

    cari amici miei
    arturo lucia rossana ed ale
    oggi ho dipinto..
    dovevo vesare il mio dolore da qualche parte che potesse contenerlo..
    il risultato poggia su di uno sfondo che contiene tutte le mie lacrime
    sono stata due ore a versare colore su colore senza nessuna idea, senza fare altro che versare colore.. il mezzo tecnico lo permette..è infinito, non si stanca mai di accettare cambiamenti...
    poi, dopo tutto quel tempo ho cominciato a dipingere un vortice e l'ho dipinto riempito svuotato innumerevoli volte: blu verde azzurro giallo viola rosso..tutti i colori e poi di nuovo blu verde arancio giallo bianco blu azzurro verde acqua...
    ci sono annegata dentro, a quel mulinello e ne sono venuta fuori e poi di nuovo sommersa e poi ancora sotto con la testa..e l'acqua nel naso e nella gola... e poi ancora l'aria..
    alla fine un'immagine mi è comparsa: i due corpi allaciati in quel gorgo.
    li ho dipinti ridisegnandoli più e più volte..più chiari più scuri, cambiando un po' la posizione.. il viso della lei supina è stato rifatto mille volte..
    e ancora sarei lì, se non fosse che ho detto: basta.
    è finito, smetti di rovistare così..
    dai pace a questo povero viso..
    allora ho messo i filtri, ho salvato, ci ho incollato sopra le prime parole che ho pescato da quel gorgo e l'ho messo nel blog e il link in bacheca..
    ora sono stanca..
    ancora le lacrime non mi lasciano..
    cercherò di guardare un film, se ci riesco..

    grazie..
    vedete che non mi sto lasciando sommegere del tutto..
    grazie che mi state vicini..
    vi abbraccio con amore..

  • #8

    Maria Letizia (giovedì, 01 novembre 2012 01:19)

    Ari, quanto coraggio hai! Ti voglio bene

  • #9

    ariannaamaducci (giovedì, 01 novembre 2012 01:41)

    ti voglio bene anche io, maria letizia..
    nelle nostre telefonate abbiamo sviscerato a lungo il problema di cui parlo..ci siamo date risposte che poi però, creano altre domande..
    amica mia.. non voglio mollare, non voglio...
    non voglio..
    la vita non mi vincerà..io resterò viva fino all'ultimo istante...
    te lo prometto..
    ti abbraccio, mia carissima.. @>---

  • #10

    Alessandro (giovedì, 18 dicembre 2014 12:42)

    Ti capisco appieno. Dono 22 Anni in cura dagli psichiatri. Per sei Anni mi hanno dato I triciclici. Il professionista mi ha deluso. Continuavo ad avere Cali depressivi in costanza di terapia. Sto un anno senza medico senza antidepressivi solo Samyr e Tavor. Reggo un anno poi crollo perche' non ero organizzato per il cambio di data (2000) per le contabilita'
    Due Pc nuovi entrambi difettosi. Devo dire ai clienti che non sono opetativo.

  • #11

    Alessandro (giovedì, 18 dicembre 2014 12:59)

    Vado a un consulto fa una specialista di Firenze che valuta il caso grave sulla scorta di una storia dei miei anni ammalato redatta da mia sorella. Mi da iniezioni per un anno e il litio che non prendero' perché il neurologo della mia città pone la condizione o le sue terapie o sennò via da lui. A lui il merito di aver dopo 12 anni di cure diagnosticato il disturbo bipolare tipo ll. Siccome avevo problemi per pagare le spese di studio, mi cancello dall'albo e questo mi fa andare in psichiatria per tentativi autolesionistici. Il neurologo si ritira e mi indirizza al CSM cittadino. Settembre 2005. Da allora sono solo peggiorato. Non ho capacità lavorativa e di concentrazione. Ho lunghissime fasi depressive maggiori che mi bloccano a letto. Raramente fasi ipoeuforiche. Non posso più lavorare e sino stato dichiarato invalido civile al 100% e inabile al lavoro. Avevi un rapporto affettivo che davanti al mio crollo psicofisico e lavorativo ha prodotto la fuga della fidanzata. Verso altri partiti. Oggi vivo con mio padre ma rimarrò solo con lo a malattia e la delusione che il mio cervello non è più in grado di applicarsi al lavoro regolarmente e proficuamente. Sognavo una famiglia con figli e invece sono solo con me stesso. Gli amici sinceri ci sono ma si sono tutti sposapi perché

  • #12

    Alessandro (giovedì, 18 dicembre 2014 13:05)

    Sposati perché si sono sistemati finanziariamente e hanno la loro n UI nuova vita da coniugi e genitori. Loro hanno raggiunto l'obbiettivo classico di vita. Io non ho nulla nella nelle mani. Un impegno lavorativo che mi appaghi, una moglie di sani principi cattolici e io il dono di Dio per gli sposi: I figli. Vivo una vita senza smalto. Appiattita dal disturbo che mi dovrò portare tutta la vita.