DUNE

DUNE - 2012 eseguito al pc tecnica gessetto impasto
DUNE - 2012 eseguito al pc tecnica gessetto impasto

 

LE DUNE

 

stanotte ha piovuto:

un temporale forte con tuoni fulmini e scrosci di dolce acqua piovana che è scesa sulle dune assetate dal maestrale e dallo scirocco.

nei prossimi giorni di certo le dune fioriranno.

piccoli fiori gialli di basse piante grasse che si allargano a macchie confuse sulla sabbia fine e finalmente non più arroventata,.

grandi cespugli dalle sottili foglie dure e cerose, per difendersi dal sale,. che si inchinano al vento e sussurrano le loro nenie malinconiche.

 

la vita sulle dune è un miracolo di forza, resistenza e spirito di adattamento.

 

quando vado in spiaggia c'è una lunga passerella di legno che mi permette di arrivare proprio in mezzo alle dune con la mia carrozzella elettronica.

mentre gine corre a perdifiato, imbizzarrita di gioia e libertà, io ammiro i piccoli fiori, le foglioline turgide, ascolto i sospiri del vento, che a volte sembrano lamenti,

mentre il mare modula il suo canto da baritono, a seconda del suo variabile umore..

 

ora io sono un po' come una duna..

nel deserto di quello che è diventata la mia vita, nonostante tutto, fiorisco ancora..

le mie lacrime sono la pioggia che ancora mi da la vita..

Scrivi commento

Commenti: 8
  • #1

    lucia d'alessandro (sabato, 13 ottobre 2012 08:47)

    La duna è un'avanguardia della vita, per questo fiorisce prontamente alla prima pioggia. Plastica e mobile prende le grinze di tutti i venti, la forma di ogni scroscio, con manine invisibili tiene stretti i semi, come fossero gioielli da sfoggiare per la grande festa che si tiene dopo l'arcobaleno.

  • #2

    ariannaamaducci (sabato, 13 ottobre 2012)

    cara lucia d'alessandro
    il tuo animo poetico è grande e bello..
    mi piace tanto quello che scrivi a commento dei miei dipinti..
    sono certo che noi siamo in sintonia, come sensibilità..
    le dune sono un grande avanspettacolo..

    ciao amica mia, buona giornata..
    stanotte il ritratto non mi è venuto bene..ora lo rifarò..
    a più tardi..

  • #3

    lucia d'alessandro (domenica, 14 ottobre 2012 06:07)

    Buongiorno, Ari, grazie delle belle parole, dette da una poetessa come te è una bella gratificazione e, come dicono gli amici del coniglio un bel massaggio all'ego fa sempre bene.Ho visto gli ultimi ritratti, belli, non ho ancora commentato perchè siamo stati presi per il funerale di Daniel, che si è svolto ieri. BACI

  • #4

    ariannaamaducci (domenica, 14 ottobre 2012 09:30)

    cara lucia d'alessandro,
    le mie parole sono sincere.. e credo che tu sappia, ad onta di risultare antipatica e di destare gelosie, non dico mai cose del genere tanto per dire...
    siete tutti amici cari al mio cuore, il vostro manipolo di persone che mi vogliono bene davvero, intendo, ma avere doti poetiche non è cosa comune..non vi è merito in questo nè colpa nel non averle..
    poeti ci si nasce..
    anzi, esserlo è un maledizione piuttosto che il contrario..
    tu lo sei..
    ci sono poi i poeti che non usano le parole per esprimere questa loro poesia, ma per loro è una cosa diversa..
    i poeti delle parole hanno come una bacchetta magica che trasforma tutto ciò che scrivono o dicono in qualcosa di unico..
    è un dono che tu hai ricevuto..
    ed io te lo riconosco..
    non volevo massaggiare il tuo ego, amica mia!! ;0))))
    io credo, anzi, sono certa, che tu paghi salato quella tua sensibilità..

    allora il piccolo daniel ora riposa..
    lo so che siete inconsolabili della sua perdita..
    ma egli è in pace, in un luogo dove non vi sono affanni, dove è delizia infinita.
    potesse questo consolarvi...
    ti abbraccio, amica mia..

  • #5

    lucia d'alessandro (lunedì, 15 ottobre 2012 12:38)

    Ari, che bello, nessuno mi ha mai detto cose














    Oh, Arianna, nessuno mi ha mai detto parole cosi' belle, circa questo mio dono, o qualunque cosa sia. E' una cosa che mi porto dietro da bambina, e tengo riservata, perchè tecnicamente io non sono niente, ed è strano che pur avendo letto molto non abbia mai letto un libro sulla metrica o come si costruisce una poesia. Sono le parole stesse che a volte sembrano animarsi, hanno dentro come una danza e per un momento assumono agli occhi di ognuno di noi un significato specifico, lo stesso che ha avuto per noi la prima volta che le abbiamo sentite o ne abbiamo sofferto, o riso..




  • #6

    ariannaamaducci (lunedì, 15 ottobre 2012 15:13)

    mia cara lucia..
    ma che libri sulla metrica?? ma che come si costruisce una poesia??
    mia cara bellissima amica, la poesia nasce da sola..
    ben tu l'hai detto..
    quelle che tu scrivi sono poesie..
    neppure io ho mai letto un libro del genere.. di certo nulla sapevo a cinque anni quando scrissi il mio primo componimento poetico..
    le parole si animano da sole, nascono da sole..
    ma poi, se non le si buttano su carta o altrove, si perdono..
    abbi fiducia in te stessa
    in aver cura di null'altro che di ascoltare queste polle surgive di parole..
    quando le senti affiorare, scrivile..
    e poi mettile sul tuo diario di fb..
    metti il titolo che ti suggerisce il tuo cuore
    vai a capo e capoverso seguendo il canto che esse hanno dentro di te, la loro danza, i loro picchi e silenzi e fermate immprovvise..

    ed avrai scritto la più bella delle poesie: la tua..
    poi falla leggere a me, scrivimela qui, a commento del mio blog..
    mi farai felice
    perchè le parole che si uniscono alla poesia e vengono pronunciate e scritte sono amore puro che fa bene a chi le legge ma anche a chi non le leggerà mai..
    siamo uno..
    e l'amore circola come la linfa in un albero e nella sua chioma..
    ascoltami, segui il mio consiglio..
    e grazie..di tutto..

  • #7

    lucia d'alessandro (lunedì, 15 ottobre 2012 18:04)

    Che emozione Arianna, queste tue parole bellissime e il fatto stesso di poter parlare liberamente di poesia, con una poetessa. A dire il vero i miei lo sanno, e la mia sorellina Angela. Lei mi sprona a scrivere e mi ha fatto l'onore di far fare una pergamena in ceramica con le due poesie dedicate ai miei genitori in requiem, e l'ha meSsa sulla tomba.Mi sprona anche a catalogare il tutto sul pc.E' tutta la vita che conservo fogli e foglietti, vecchie agende, ma non ho mai ordinato il tutto in modo organico. Fino a che non mi sono decisa a chiedere in regalo per Natale un pc. Adesso pero non sto andando avanti. Aspetto che avanzi la stagione, avrò molto più tempo.

  • #8

    ariannaamaducci (lunedì, 15 ottobre 2012 18:49)

    tua sorella ha perfettamente ragione!!
    ma hai letto la mia risposta al tuo comemnto sotto il ritratto di roberta goria..
    credo di no, forse ti è sfuggito..
    c'è una sorpresa per te.....